Le buone pratiche per l’indicizzazione dei contenuti sul web nel 2015

Written by Insem Webmarketing on . Posted in consulenza Seo, Ottimizzazione siti web, posizionamento Google, posizionamento seo, posizionamento sui motori di ricerca, Search Engine Optimization, SEO, strategie seo, WEB MARKETING, Web semantico

 buone pratiche indicizzazione siti web

Le buone pratiche per rendere i contenuti web indicizzati nei motori di ricerca nel 2015 sono da tempo state inserite nella guida di Google per agevolare la ricerca dei siti web in base a determinate keyword o argomenti da parte degli utenti.  Si tratta di regole sempre valide se si ha l’obiettivo di scrivere contenuti per il web convincenti e orientati alla SEO. Abbiamo affrontato spesso l’argomento relativo ai contenuti ottimizzati per la seo in questo Blog e in questo articolo intendiamo, ancora una volta, ribadire alcuni concetti di base che possano essere d’aiuto sia a chi decide di mettere online la sua attività per la prima volta sia a chi desidera fare un bel “restauro” del suo sito web.

Per contenuti web si intende non solo testi, ma anche schede tecniche, informazioni, infografiche, video ed immagini. Contenuti e grafica web devono andare “a braccetto”. Gli uni devono essere funzionali all’altra e viceversa. Il funzionamento e l’efficacia di un sito web dipendono oltre che dall’integrazione di questi due fattori anche dall’organizzazione e dalla qualità dei contenuti. Ecco, dunque, una sintesi delle buone pratiche presente nella guida di Google dedicata a questo argomento, consultabile da tutti in ogni momento:

Crea testi facili. Per facili non si intende banali, attenzione, ma semplici da leggere, immediati, poiché sul web i testi devono rispettare le regole della sintext. Ed essere scritti per gli utenti e non per i motori di ricerca, quindi per persone vive e vegete e non certo per dei Robot.

contenuti ottimizzati seo

Occorre suddividere il contenuto in apposite sezioni per argomento, per renderlo semplice e perfettamente fruibile da parte dell’utente.  Da evitare quantità enormi di contenuti non suddivisi in paragrafi o sezioni di approfondimento.

Mai copiare altro contenuto o riadattarlo in maniera evidente. Gli utenti premiano l’originalità e la freschezza. Occorre quindi avere sempre qualcosa da dire che faccia la differenza e dare informazioni che creino valore aggiunto a ciò di cui si parla.

 Al bando errori grammaticali e testi astrusi. La logica e la semplicità sono sempre premiate dagli utenti e quindi anche da Google.

contenuti ottimizzati seo guida google

Un buon testo per il web deve essere chiaro, articolato e descrittivo, possibilmente conciso ed esaustivo. La presenza di link interni ed esterni può essere di una certa utilità per l’approfondimento degli argomenti, nonché di immagini ben collegate all’argomento.

Le regole di Google per l’indicizzazione dei siti web sono in continua evoluzione, ma senza dubbio la direzione intrapresa da tempo resta quella della qualità e del rispetto per lo strumento utilizzato. In ogni caso, per essere sicuri di scrivere in maniera appropriata per il web, basta essere informati sia attraverso i canali ufficiali, rappresentati da Google stesso con i tool messi a disposizione, che quelli giornalistici relativi alle riviste specializzate e di settore che spesso fanno circolare articoli molto interessanti sull’argomento. Insomma, in parole povere, ciò che conta è da un lato restare aggiornati, dall’altro non tradire mai ciò che veramente è importante per chi legge: originalità, qualità, contenuti interessanti, che devono fare la differenza nel mare magnum del web per influire in maniera incisiva sulle scelte di navigazione.

Tags: , , , ,