Instagram: il search è sempre più geotag

Written by Insem Webmarketing on . Posted in APP, app android Ios, applicazioni, applicazioni per smartphone, Facebook, Instagram, marketing virale, SOCIAL NETWORK, WEB MARKETING

Una micro-storia del social network

 Instagram: il search è sempre più geotag.  Una micro-storia del social network

Instagram, il celebre social network focalizzato sulla condivisione di immagini, oggi introduce la funzione Place Search, puntando sempre più sul “geotag”, ovvero sulla ricerca di persone, luoghi e tag in un’unica casella.

Con Instagram 7.0, la direzione verso un’identità editoriale sempre più definita diventa evidente. Dalla sua creazione nel 2010, all’acquisizione da parte di Facebook il 9 aprile 2012,  la app Instagram ha fatto molti passi avanti, sia tecnicamente che a livello commerciale.

Boom del Mobile Banking: lo utilizza il 36% degli italiani

Written by Insem Webmarketing on . Posted in APP, app android Ios, applicazioni, applicazioni per iphone, applicazioni per smartphone, audience online, E-COMMERCE, e-commerce mobile, siti mobile, WEB MOBILE

 Mobile Banking

E’ un italiano su tre ad usare il mobile banking in Italia e, vista l’inarrestabile ascesa dei telefonini intelligenti, c’era da aspettarselo. Infatti, come risultato dall’ultimo report Audiweb sulla digital audience in Italia a maggio 2015, gli utilizzatori di smartphone nel giorno medio sono saliti a 9 milioni. Un’altra indagine, portata avanti dall’istituto di credito olandese Ing Bank, ha invece rilevato la disponibilità dei risparmiatori e consumatori di servizi e prodotti bancari ad utilizzare app per smartphone per i vari movimenti bancari.

Privacy Facebook: ecco cosa cambia quando scarichiamo un’applicazione

Written by Insem Webmarketing on . Posted in APP, applicazioni, Facebook, SOCIAL NETWORK, WEB MARKETING

Login anonimo Facebook

Sapevate che scaricando app, giochi e tool vari, tramite gli accessi Facebook avete dato il consenso a queste piattaforme per attingere dai vostri dati? Nel momento in cui, sin ora, si è scaricata una qualsiasi applicazione mediante account Facebook, e tramite il fatidico tasto “Log in with Facebook”,  in automatico terze parti, come sviluppatori o aziende fornitrici di servizi, hanno attinto dai nostri dati quello che volevano e che serviva per il loro business estrapolando un’enorme quantità di informazioni. In sostanza, tutto ciò che è gratis è stato pagato con il “saccheggio” da noi autorizzato di tutte le informazioni relative al nostro profilo Facebook: amici, data di nascita, contenuti di varia natura, luogo in cui viviamo, spostamenti, e tutto ciò che pubblichiamo in bacheca e che rendiamo pubblico.