Chat criptate: WhatsApp e le altre

Written by Insem Webmarketing on . Posted in MOTORI DI RICERCA, WEB MARKETING

 

crittografia end to end

Se avete aggiornato l’ultima versione della famosa applicazione di messaggistica istantanea WhatsApp avrete notato che nelle chat compare questa scritta:

 

crittografia end to end: WhatsApp

crittografia end to end: WhatsApp

i messaggi delle chat saranno quindi criptati. Idem per le chiamate, che utilizzeranno la crittografia end to end, a protezione delle conversazioni degli iscritti alla chat.

La cifratura dei messaggi è automatica, come spiegato dai due fondatori di WhatsApp ed ex dipendenti di Yahoo! Jan Koum e Brian Acton.

L’esigenza di rendere le conversazioni protette è nata soprattutto dopo lo scandalo Nsa, l’agenzia di sicurezza statunitense, in cui i dati di milioni di utenti sono stati saccheggiati indiscriminatamente. Una presa di posizione dei colossi Google, Facebook, Microsoft e Yahoo, messi in serio imbarazzo a causa delle rivelazioni emerse da parte dell’ex informatico della Nsa Edward Snowden:

“Il punto, però, è un altro: anche se non sapeva nel dettaglio di cosa si parlava, ogni gruppo hi tech ha ricevuto delle regolari richieste per frugare dentro e-mail, profili personali, documenti, servizi online.”

Da Repubblica 20 marzo 2014

crittografia

Prima di WhatsApp sono state diverse le applicazioni che si dono dotate di un sistema di crittografia end to end; ecco quindi che diverse aziende, tra cui Apple e Microsoft, sono corse ai ripari, utilizzando la crittografia per proteggere le chat degli utenti nei loro smartphone. Tra i sistemi che ricorrono all’uso della crittografia citiamo BlackBerry Protected, Signal, TextSecure e Telegram, Silent Phone e Silent Text, Wickr, Bleep, Surespot e CryptoCat.

Le piattaforme di messaggistica celebri come Facebook Messenger, Snapchat, Viber, Yahoo!, Skype e Google Hangouts, invece, non si sono ancora dotate di sistemi di crittografia end to end.

crittografia-nsa

La protezione dei dati in transito è solo una parte della problematica relativa alla sicurezza, che invece riguarda la totalità delle comunicazioni, a partire, ad esempio, dalla sicurezza e penetrabilità dei device stessi, fissi e mobili. Che siano hacker, cyber criminali o intelligence governativa a contendersi i dati delle conversazioni private degli utenti ha poca importanza. Ciò che conta è studiare una strategia efficace per riuscire a rendere i dispositivi più sicuri nella loro totalità. L’impresa non è semplice ma la tematica è scottante, un tema molto “caldo” e più che mai attuale.

Tags: , , ,