Gli aspetti fondamentali di una campagna su Google Adwords

Written by Insem Webmarketing on . Posted in campagna adWords, consulenza web marketing, posizionamento seo, pubblicità online

campagna adwords

Nel mondo del Paid Search, le campagne Google Adwords sono lo strumento più potente per chi desidera organizzare una pianificazione pubblicitaria per la propria azienda. Quando effettuiamo una ricerca su Google, oltre ai risultati organici, compaiono nella parte alta e lateralmente annunci pubblicitari che gli inserzionisti predispongono sapientemente al fine di potenziare il business online di professionisti, aziende ed attività commerciali.

Ma quali sono gli aspetti fondamentali da tenere presenti per la realizzazione di una campagna Adwords di tutto rispetto?

Per un inserzionista, sia che si tratti di una grande azienda o di un piccolo esercizio commerciale, le campagne Google Adwords possono:

  • Promuovere l’ attività commerciale supportando la vendita di prodotti e/o servizi;
  • Creare Brand Awareness;
  • Incrementare il traffico sul sito web aziendale

Adwords è… raggiungere un pubblico ampio con un investimento piuttosto basso

google adwords_2

L’obiettivo di chi pianifica e gestisce campagne Google Adwords è raggiungere gli utenti mentre eseguono ricerche utilizzando determinate parole chiave e, quindi, proprio quando stanno cercando il tipo di prodotto o servizio che l’inserzionista offre. In parole povere, grazie alla consulenza Adwords di una valida agenzia SEO, chi possiede un’attività commerciale e vuole acquisire più clienti può decidere di far attivare i propri annunci pubblicitari quando l’utente digita determinate parole chiave o frasi per una ricerca su Google.

Ad esempio, se avete un negozio di abbigliamento potrete utilizzare la parola chiave “abbigliamento moda giovane” nella vostra campagna Adwords . Quando un utente esegue una ricerca su Google utilizzando la frase “abbigliamento moda giovane” o un termine simile, il vostro annuncio potrebbe essere pubblicato accanto ai risultati di ricerca di Google.

Impostare la campagna: Rete di Ricerca e Rete Display

Google Adwords consente agli inserzionisti di scegliere dove pubblicare i propri annunci, su siti web specifici ed in aree geografiche definite come Paesi, città e persino quartieri. Predisporre campagne pay per click vi aiuterà ad ottenere un incredibile vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza, perché riuscirete ad attirare l’attenzione dei vostri clienti proprio nel momento in cui essi ricercheranno un vostro prodotto o servizio. Gli annunci Google Adwords possono essere pubblicati sulla Rete di Ricerca e/o sulla Rete Display, a seconda degli obiettivi del cliente e del budget a disposizione.

La rete di ricerca include la Ricerca Google, Google Shopping, Google Maps, Google Immagini e Google Gruppi, nonché siti partner di ricerca come AOL, mentre la Rete Display è composta da oltre un milione di siti web, video ed applicazioni a cui l’inserzionista può scegliere di rivolgere specifici annunci.

 

Google AdWords

 

Le campagne pay per click sul Network Display sono molto particolari, tanto che possono essere costituite non soltanto da annunci testuali, ma anche da banner, rich media e video per una pianificazione strategica di marketing sempre più definita. Impostando una campagna pay per click sulla Rete di Ricerca potrete raggiungere i vostri clienti nel momento stesso in cui manifesta il bisogno. Ad esempio, dovete sposarvi ed avete bisogno di trovare modelli di scarpe da sposa. Per raggiungere ed intercettare nuovi clienti, o meglio ancora potenziare la vostra Brand Awareness, è ancora più funzionale fare advertising sulla Rete Display.

Il punteggio di qualità ed il ranking degli annunci

google adwords_4

Una volta determinato il tipo di campagna più adatto e le Reti sulle quali pubblicarla, gli inserzionisti possono procedere alla creazione vera e propria degli annunci ed all’impostazione dell’offerta considerando il budget da spendere. Per una campagna Adwords di successo è fondamentale tenere sempre sotto controllo il punteggio di qualità. Non è altro che una stima della qualità degli annunci, delle parole chiave e della pagina di destinazione scelte dall’inserzionista.

Più gli annunci sono di qualità più possono portare a prezzi più bassi ed a migliori posizioni di annunci. In questo discorso, infatti, si inserisce il cosiddetto ranking degli annunci, il valore utilizzato per determinare la posizione dell’annuncio e che viene calcolato ogni volta che gli annunci diventano idonei alla pubblicazione. Aumentare il punteggio di qualità significa ridurre il costo per click (CPC) massimo che l’inserzionista è disposto a pagare per i suoi annunci.

Per misurare quali annunci e quali parole chiave della campagna Adwords hanno un buon rendimento durante lo svolgimento della campagna è possibile prendere a riferimento anche il CTR, ovvero il rapporto tra il numero di clic ricevuti dall’annuncio diviso il numero di volte in cui l’annuncio è stato visualizzato espresso sotto forma di percentuale. Più le parole chiave e gli annunci sono correlati e pertinenti all’attività del cliente, maggiori saranno le probabilità che gli utenti facciano clic sugli annunci dopo aver effettuato una ricerca.

Quanto costa una Campagna Adwords? Offerte CPC, CPM e CPA

google adwords_3

Il sistema Google Adwords permette agli inserzionisti di pagare solo per i click effettivamente ricevuti sugli annunci pubblicati. Impostando un budget giornaliero definito, sarete sicuri di non spendere ulteriormente. Inoltre, a seconda delle reti e degli obiettivi di marketing scelti, è possibile impostare differenti strategie di offerta.

L’offerta costo per clic (CPC) è orientata ad attirare i clienti sul sito dell’inserzionista. Egli stesso stabilisce un prezzo massimo sul costo di un utente che fa clic sugli annunci AdWords. E’ possibile scegliere tra l’offerta manuale (l’inserzionista sceglie gli importi delle offerte) e l’offerta automatica (l’inserzionista imposta un budget giornaliero di destinazione e il sistema Google AdWords aggiusta automaticamente le offerte CPC max, con l’obiettivo di ottenere il numero massimo di clic nei limiti del budget).

L’offerta costo per mille impressioni (CPM) permette di controllare la visibilità degli annunci, ovvero l’inserzionista paga un importo ogni mille visualizzazioni dell’ annuncio invece che per il numero di clic che riceve. Per campagne Adwords di successo che vogliono puntare ad un aumento della brand awareness e non all’aumento di clic e conversioni, è assolutamente la migliore strategia da adottare.

L’offerta costo per acquisizione (CPA) si basa sull’importo che l’inserzionista è disposto a pagare per ottenere una conversione. Invece di orientare l’ azione ai clic (CPC) o alle impressioni (CPM), questa offerta cerca di ottimizzare le conversioni. Ed è fondamentale soprattutto per gli inserzionisti che posseggono attività e-commerce.

Il prezzo speso dall’inserzionista per la sua campagna Adwords è stabilito dopo che, scelto un importo minimo di partenza, viene poi impostato l’importo massimo che si è disposti a pagare. Il sistema AdWords confronta tutte le offerte e stabilisce gli importi che gli inserzionisti dovranno pagare per il successo dei propri annunci. La posizione degli annunci della vostra campagna pay per click dipenderà dal prezzo, ma anche dal punteggio di qualità.

CTR, PPC, Impressions, Click, Conversioni, Adwords è uno strumento potentissimo per la pianificazione pubblicitaria online delle aziende, ma queste devono avere la consapevolezza ed il buon senso di affidarsi ad un’agenzia SEO capace di offrire una consulenza Adwords di alto profilo.

Tags: , , , , , , ,