Se i tweet diventano pubblicità: il format di Twitter per l’advertising dei Brand

Written by Insem Webmarketing on . Posted in agenzia web marketing, consulenza web marketing, marketing virale, pubblicità online, social media marketing, SOCIAL NETWORK, strategie web marketing, Twitter, WEB MARKETING, web marketing aziendale

 Twitter brand enthusiast gallery

Con lo strumento “Brand enthusiast gallery”, Twitter aiuterà i brand a farsi pubblicità raccogliendo i tweet degli utenti. Inviando, in prima istanza, un messaggio diretto all’utente interessato per avere il consenso, Twitter non fa altro che rendersi intermediario di un processo in cui gli utenti, gratuitamente, pubblicizzano i prodotti: in sostanza tutta la pubblicità gratuita degli utenti, fatta tramite Tweet, è raccolta e veicolata al Brand.

Uno strumento molto interessante in cui verrà data voce ad ogni tipo di utente e non più ai tradizionali “influencer”, contattati allo scopo di pubblicizzare i brand tramite i social networks.twitter ads

Oltre alla collezione di tweet che fanno pubblicità ai brand, le aziende potranno utilizzare il servizio SnappyTV, da poco acquistato da Twitter per la creazione di video perfetti per la fruizione sul social.

Già con l’introduzione della conversational Ads, Twitter ha inserito un diverso modo di creare engagement intorno ai brand, grazie al re-tweet gratuito. Le novità di questa nuova strategia attuata da Twitter, infatti, riguarda la possibilità di creare call to action all’interno dei testi, il cui re-tweet non sarà a pagamento, ma avrà copertura gratuita per l’inserzionista.

Si tratta di un format al momento in fase di beta testing, che a breve sarà proposto a tutti i profili business di Twitter.

Per quanto riguarda, invece, la Brand enthusiast gallery, si tratta di un’idea molto interessante e probabilmente in grado di far decollare la sezione advertising di Twitter, lanciandola come mezzo privilegiato per creare engagement intorno ai marchi. Il fatto di avere una galleria di opinioni, e di recensioni, passaparola e “consigli” per gli acquisti nati dal basso, dalla gente, dai consumatori quindi, potrebbe rivelarsi, nel breve e nel lungo periodo, una strategia di engagement vincente.

Tags: , , , ,