Posts Tagged ‘google+’

Quando Google fu presentato al mondo

Written by Insem Webmarketing on . Posted in INNOVAZIONE DIGITALE, SEO, WEB MARKETING

Google1998

 “In questo documento, vi presentiamo Google…” era il 1998. Due ragazzi, Sergey Brin e Larry Page, presentavano il nuovo motore di ricerca Google al mondo, con il paper The Anatomy of a Large-Scale Hypertextual Web Search Engine, alla World Wide Web Conference di Brisbane. Le keyword? World Wide Web, Search Engines, Information Retrieval, PageRank, Google…

Tutte le novità Google al Mobile World Congress 2015

Written by Insem Webmarketing on . Posted in EVENTI, Google Trends, INNOVAZIONE DIGITALE, ricerche Google, Youtube

 Mobile World Congress 2015

 

All’ultimo Mobile World Congress, svoltosi dal 2 al 5 Marzo a Barcellona,  attraverso il racconto di Sundar Pichai, Google fa un primo bilancio di tutte le novità che hanno cambiato le abitudini di milioni se non miliardi di persone, anticipando le innovazioni future. Leitmotiv, quello di “trovare risposte che migliorano la vita delle persone”. Si parte dal Search, che tramite un pc ed internet fa arrivare in pochissimo tempo direttamente  sul proprio desk le informazioni desiderate. Si continua con Gmail che ha reso il mondo delle email più veloce ed accessibile, continuando con Maps e Youtube fino a Chrome Android.

Ma quali sono le novità che “miglioreranno la vita delle persone” in futuro?

Google, Facebook, Microsoft: perché tutti vogliono il Deep Learning

Written by Insem Webmarketing on . Posted in Deep learning, INNOVAZIONE DIGITALE, pubblicità online, Web semantico

 Deep learning

Anche Microsoft, dopo Google e Facebook, si cimenta con il Deep Learning, ma con risultati di maggior successo anche rispetto al cervello umano.

Ma Perché tutti vogliono il Deep Learning?

Il cosiddetto “apprendimento profondo” ovvero il Deep Learning, è da un po’ di tempo oggetto di attenzioni da parte dei colossi dell’informatica e del web: Google e Facebook, in primis, in un’agguerrita concorrenza tra di loro, hanno infatti messo su una vera e propria “task force” tecnologica in questo senso. Lo scopo è quello di mettere a punto software ed algoritmi in grado di imitare il funzionamento del cervello o almeno dei neuroni, per scavare in profondità all’interno dei contenuti online.